Mercoledì, 19 Settembre 2018
REGGIO

Gli imprenditori
Gianni e Pasquale Remo
non rispondono al gip

remo, Reggio, Calabria, Archivio

Non rispondono al gip i fratelli Gianni e Pasquale Remo, gli imprenditori di Reggio arrestati per concorso in estorsione aggravata dall’aver favorito la cosca di ’ndrangheta Labate. Il primo a presentarsi ieri davanti al gip Antonino Laganà è stato Gianni Remo, personaggio notissimo in città anche perchè è vicepresidente della Reggina Calcio. Gianni Remo, che era assistito dagli avvocati Carlo Morace e Giuseppe Panuccio, si è riservato di rispondere alle domande del giudice appena sarà in possesso degli atti giudiziari. Si è avvalso della facoltà di non rispondere anche Pasquale Remo, difeso dagli avvocati Francesco Calabrese e Francesco Albanese. Non si è sottratto alle domande del gip Michele Labate, ritenuto uno dei vertici dell’omonima famiglia mafiosa che opera nei rioni a sud di Reggio, Gebbione e Sbarre. Assistito dagli avvocati Giovanna Araniti e Francesco Calabrese, Michele Labate (che era già in carcere) ha spiegato al giudice Laganà «di essere da anni in pessimi rapporti personali con i cognati, Gianni e Pasquale Remo, di non aver mai avuto alcun interesse economico condiviso con entrambi».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook