Sabato, 23 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Uccisa dal figlio per l’amore clandestino col boss
ROSARNO

Uccisa dal figlio per l’amore clandestino col boss

 «Pirdunatimi, ho sbagliato». Ha implorato il perdono Francesca Bellocco, la giovane donna di Rosarno (classe 1970) uccisa e fatta scomparire per aver violato l’onore del marito e del figlio diventando l’amante del boss donnaiolo Domenico Cacciola. Davanti al figlio, che l’aveva condannata a morte, ha sperato nella grazia. Inutilmente, però. Uccisa dalle stesse mani del figlio, Francesco Barone, classe 1992. Che ieri è stato arrestato per omicidio «in concorso con ignoti», occultamento di cadavere, detenzione e porto di armi comuni da sparo. Contestazioni accusatorie aggravate dall’articolo 7, «aver operato al fine di agevolare la cosca Bellocco», i potenti di Rosarno. Polizia e Carabinieri l’hanno bloccato all’aeroporto di Lamezia Terme con un biglietto in tasca pronto a partire («viaggio programmato» spiegano gli inquirenti).

L'articolo completo potete leggerlo sul nostro giornale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook