Giovedì, 18 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Aeroporto, il personale sarà ridotto all'osso
REGGIO CALABRIA

Aeroporto, il personale sarà ridotto all'osso

di
aeroporto, reggio calabria, Reggio, Calabria, Archivio
Aeroporto, il personale sarà ridotto all'osso

Sacal ha intenzione di centralizzare su Lamezia Terme la gestione degli scali aeroportuali calabresi e questo vuol dire che il personale operante al “Tito Minniti”, in attesa della formale presa di possesso dell'aeroporto, sarà ridimensionato. Lo si evince da un incontro che si è tenuto ieri a Lamezia.

La responsabile dell'area personale di Sacal, Teresa Ruberto, ha comunicato alle organizzazioni sindacali che tutte le procedure di selezione del personale per l'aeroporto di Reggio sono state completate e si è deciso di mantenere l'operatività su 12 e 24 ore solo per l'ufficio di controllo voli. Al momento le figure già individuate sono post holder movimento e terminal; post holder manutenzione e progettazione, safety manager, quality e security manager e responsabile area Affari generali. Nel verbale, di cui le organizzazioni sindacali hanno preso atto, si legge che «l’idea progettuale da cui si è partiti è che Sacal centralizzerà la maggior parte dei servizi, intesi come supporto amministrativo e gestionale, sullo scalo di Lamezia per ottimizzare i processi».

Alla luce di questa decisione vengono fuori i seguenti numeri: a fronte delle 89 unità fin’ora operanti nello scalo dello Stretto in Sogas spa e Sogas Service (entrambe adesso in regime fallimentare), la nuova struttura prevista è di 41 risorse di cui solo 17 full time e 24 part time. Sono quindi 36 le figure necessarie, che si sommano alle 5 già individuate, e sono: 1 addetto alla segreteria; 1 al safety office; 17 addetti al prm e manutenzione, 9 addetti al controllo voli, sette alle pulizie e uno specialista informatico.

Poiché l'arrivo di Sacal nella gestione di tutto il sistema aeroportuale calabrese è sub judice per il ricorso pendente ancora davanti al Consiglio di Stato, è stato deciso che sarà applicato il regime del contratto di lavoro Assaeroporti a tempo determinato. Il tutto in attesa appunto della definizione del giudizio amministrativo, la cui prossima udienza è fissata per il mese di dicembre. Si sta completando, dunque il puzzle organizzativo in vista dell'arrivo di Sacal al “ Tito Minniti” che dovrebbe avvenire a metà mese.

Intanto la Federazione del Partito comunista, in una nota, attacca pesantemente Arturo De Felice: «Il presidente della Sacal si sta caratterizzando, con grave sconcerto, per essere il tagliatore di teste dei lavoratori dell’aeroporto “Tito Minniti”. Infatti, con un assordante e complice silenzio di tutte le parti, Sacal sta facendo letteralmente piazza pulita di ogni residua presenza dei lavoratori reggini. Sembrerebbe che, in queste ore, i circa 30 lavoratori della Sogas Service srl, utilizzati nei servizi di pulizia, siano stati licenziati in tronco. Pertanto, dopo la prima pesante sciabolata ricevuta dai lavoratori della Sogas adesso vi è una valanga di licenziamenti alla Sogas Service. Insomma, una tragica macelleria sociale che coincide con un evidente abbandono dell’aeroporto provocato dalle precise scelte del Pd di Renzi, Oliverio e Falcomatà, vale a dire i tre principali responsabili della lenta agonia che, inevitabilmente, porterà alla definitiva chiusura del “Tito Minniti”. Nel manifestare piena e convinta solidarietà a tutte le lavoratrici e i lavoratori licenziati, invitiamo il prefetto di Bari a intervenire per dare un segnale di attenzione finalizzato alla salvezza del lavoro e, quindi, dell’aeroporto dello Stretto».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook