Mercoledì, 20 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Locri, i ristoranti delle ’ndrine all’estero: una pacchia per riciclare i soldi
REGGIO CALABRIA

Locri, i ristoranti delle ’ndrine all’estero: una pacchia per riciclare i soldi

di

Le dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia Giuseppe Tirintino sulle modalità di riciclaggio del denaro all’estero da parte di consorterie o soggetti collegati con la ‘ndrangheta, trovano riscontro nel compendio investigativo raccolto nell’indagine “Pollino - European ‘Ndrangheta Connection”.

Il 40enne Tirintino, originario di Palmi, la cui attendibilità e credibilità è stata vagliata nel procedimento “Santa Fè”, ha riferito agli investigatori come la maggior parte del denaro della ‘ndrangheta sia investito in ristoranti ed esercizi commerciali in Germania e Olanda, utilizzati come vere e proprie basi logistiche anche per le armi, ovvero per ottenere un domicilio di comodo utilizzato dai latitanti.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook