Sabato, 20 Aprile 2019
stampa
Dimensione testo
LE ACCUSE DELLA DDA

Reggio, per la Procura l'ex consigliere Nucera era "un referente della 'ndrangheta"

di

Esterno alle ’ndrine, ma molto vicino alle dinamiche delle cosche di Reggio, e «referente politico» dei clan Libri-Caridi e Tegano di cui era "il destinatario di preferenze elettorali".

È pesante come un macigno il quadro accusatorio delineato dalla Procura distrettuale antimafia di Reggio nei confronti di Giovanni Nucera, il 66enne ex consigliere regionale della Calabria e al Comune di Reggio con un profilo da uomo politico di esperienza e primo livello del centrodestra reggino (democristiano e “centrista” nella Prima Repubblica) accusato - come si ricava dall’avviso conclusioni indagini del Pubblico ministero della Dda di Reggio, Stefano Musolino - di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione elettorale aggravata dall’articolo 7.

Giovanni Nucera è finito nel mirino della Dda per la corsa elettorale a Palazzo Campanella del 28 e 29 marzo 2010 quando conquistò uno scranno tra le fila del Pdl (festeggiando la terza consiliatura).

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook