Venerdì, 06 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
CICCIO U BUMBULARU

Tabaccaio ucciso ad Arghillà, Reggio teme una guerra di ‘ndrangheta

di
'ndrangheta, arghillà, boss, Francesco Catalano, killer, mafia, tabaccaio, Francesco Catalano, Reggio, Calabria, Cronaca
La vittima, Francesco Catalano

Faida. Nessuno lo dice apertamente, ma in tanti lo temono: l’omicidio di Francesco Catalano, uno di quelli che gli inquirenti definiscono “pesanti”, potrebbe innescare violente reazioni a catena.

Che sia stato un omicidio di mafia non c’è dubbio: “Ciccio u bumbularu”, cinquant’anni il prossimo luglio, è stato freddato come un boss, quasi senza avere il tempo di fermare la Fiat Seicento con cui stava rientrando a casa nel condominio “Il Glicine” ad Arghillà Sud, dopo aver chiuso la sua tabaccheria.

I killer (pare abbiano agito in due) lo hanno atteso nel cortile e non gli hanno dato scampo: quattro o cinque proiettili andati a segno tra la testa e il torace, sparati certamente da professionisti che conoscevano le abitudini della vittima.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria in edicola.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook