Venerdì, 24 Maggio 2019
stampa
Dimensione testo
CARABINIERI

Rosarno, sequestro da 3,5 milioni all'imprenditore Nasso affiliato alla cosca Cacciola-Grasso

Beni per un valore complessivo di oltre 3,5 milioni di euro sono stati sequestrati dai carabinieri di Gioia Tauro a Giuseppe Nasso, 40enne imprenditore di Rosarno.

Nasso era stato arrestato nell’estate del 2018 con l’accusa di associazione mafiosa nell’ambito dell’operazione "Ares", in quanto ritenuto partecipe della cosca Cacciola-Grasso, a favore della quale avrebbe messo a disposizione il proprio patrimonio illecito.

Proprio durante il fermo effettuato a carico dell’imprenditore lo scorso 9 luglio, i carabinieri hanno trovato, nascosti in un controsoffitto della sua ferramenta, circa un milione di euro, suddivisi in mazzette e confezionati all’interno di pacchi sottovuoto.

Gli approfondimenti hanno consentito di appurare una netta sproporzione tra il patrimonio accumulato negli anni da Nasso e quello effettivamente dichiarato. Il sequestro odierno ha riguardato denaro contante, conti correnti, polizze assicurative e un’impresa individuale, assieme a beni immobili riconducibili a Nasso e ai suoi familiari conviventi.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook