Giovedì, 21 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vent'anni di carcere al figlio del “boss dei due mondi” Macrì
LA SENTENZA

Vent'anni di carcere al figlio del “boss dei due mondi” Macrì

di
droga, locri, ndrangheta, provincia di reggio caabria, Vincenzo Macrì, Reggio, Calabria, Cronaca

Vincenzo Macrì, ritenuto un esponente di vertice dei clan di Siderno, è stato condannato a 20 anni di reclusione per associazione a delinquere di tipo mafioso. La sentenza è stata emessa dal Tribunale di Locri all'esito di uno stralcio del procedimento scaturito dall'operazione “Acero Krupy”.

A conclusione della camera di consiglio i giudici (presidente Accurso, Carughi e Terramova), hanno escluso l'aggravante della transnazionalità in riferimento all'associazione mafiosa mentre hanno assolto Macrì dall'accusa di far parte di un'associazione per delinquere dedita al narcotraffico “per non aver commesso il fatto”.

Il tribunale, riporta la Gazzetta del Sud in edicola, ha applicato nei confronti del 54enne la misura di sicurezza della libertà vigilata per la durata di 3 anni. Infine l'imputato è stato condannato a risarcire la parte civile Regione Calabria, rappresentata dall'avvocato Michele Rausei.

Macrì, figlio del defunto Antonio Macrì soprannominato dagli inquirenti “boss dei due mondi”, era stato arrestato in Brasile e successivamente portato in Italia.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook