Martedì, 15 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
L'INCHIESTA

Delitto del giudice Scopelliti, il procuratore di Reggio: «Fu ucciso perché ostacolava cosa nostra»

di
cosa nostra, delitto scopelliti, Antonino Scopelliti, Giovanni Bombardieri, Jole Santelli, Maurizio Avola, Nicola Morra, Reggio, Calabria, Cronaca
L'omicidio Scopelliti

«Il Giudice Scopelliti fu ucciso perchè era un ostacolo ai programmi di cosa nostra». A dirlo è stato ieri il procuratore di Reggio, Giovanni Bombardieri, nell'audizione tenutasi davanti la Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali.

A Palazzo San Macuto, con accanto il presidente Nicola Morra, ha risposto per oltre due ore alle domande dei componenti (da Jole Santelli, a Gianrusso, Velini, Indrizzi, Orlando, Corrado, Aiello). Tema centrale, che ha concentrato la parte nevralgica dell'audizione, l'attuale indagine della Procura distrettuale antimafia di Reggio che a 28 anni di distanza dal barbaro agguato consumato sui tornanti di Piale di Campo Calabro sta provando a fare luce su mandanti ed esecutori del delitto del Giudice Antonino Scopelliti.

Inevitabilmente tante risposte sono state secretate e quindi nulla trapela rispetto ai temi già emersi dal giorno in cui sono stati notificati 18 avvisi di garanzia. Sette esponenti di primo livello di cosa nostra palermitana e catanese; dieci personaggi di rilievo assoluto della 'ndrangheta reggina. I De Stefano e i Piromalli innanzitutto, l'èlite della criminalità organizzata calabrese.

Intanto qualche accenno sulla svolta dell'indagine. La chiave resta Maurizio Avola, il collaboratore di giustizia catanese che ha indicato il nascondiglio del fucile con cui il commando avrebbe sparato (anche) per uccidere Scopelliti.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook