Sabato, 19 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
TRIBUNALE

L'ora della verità per Lucano, al via oggi l'udienza preliminare

di

Domenico Lucano, sindaco sospeso di Riace, è atteso questa mattina al Tribunale di Locri dove inizia la prima udienza preliminare del procedimento penale “Xenia”, per il quale la Procura locrese ha chiesto il rinvio a giudizio per una serie di reati, anche quelli già rigettati in sede cautelare. Insieme al sindaco “esiliato” di Riace ci sono altri 29 indagati per i quali è stato chiesto il rinvio a giudizio.

La Procura di Locri, guidata da Luigi D'Alessio, contesta a Mimmo Lucano e ad alcuni degli indagati anche il reato di associazione per delinquere che avrebbe, tra l'altro, orientato «l'esercizio della funzione pubblica degli uffici del Ministero dell'Interno e della Prefettura di Reggio, preposti alla gestione dell'accoglienza dei rifugiati nell'ambito dei progetti Sprar, Cas e Msna e per l'affidamento dei servizi da esplicare nell'ambito del Comune di Riace».

L'inchiesta “Xenia”, riporta la Gazzetta del Sud in edicola, eseguita dai finanzieri del Gruppo di Locri, diretti dal colonnello Nicola Sportelli, riguarda anche un'ipotesi di concorso in abuso d'ufficio per avere «intenzionalmente» procurato ad alcune associazioni un «ingiusto vantaggio patrimoniale pari a euro 2.300.615,00».

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook