Domenica, 21 Luglio 2019
stampa
Dimensione testo
LE RIVELAZIONI

Reggio, il pentito Lo Giudice: "Quando Condello mi chiese di gestire la sua latitanza..."

di
latitanza pasquale condello, pentito nino lo giudice, processo 'ndrangheta stragista, Nino Lo Giudice, Pasquale Condello, Reggio, Calabria, Cronaca
Il pentito Nino Lo Giudice

Amore e odio con il boss Pasquale Condello. Il pentito Nino Lo Giudice, di scena giovedì in Corte d'Assise nel processo «'Ndrangheta stragista», ha ripercorso il lungo, intenso, periodo vissuto al fianco, o meglio al servizio, del “supremo”, del mammasantissima di Archi che lui stesso definisce «il “capo dei capi” della 'ndrangheta reggina, perchè è vero che Peppe De Stefano era il “capo crimine”, ma era Pasquale Condello a comandare».

È il 2001 quando si intensifica il feeling tra “il supremo”, l'imprendibile latitante scovato dal Ros dell'Arma dopo una macchia infinita, e “il nano”, così come veniva individuato il capoclan di Santa Caterina e Tremulini per la sua statura piuttosto contenuta negli anni di militanza mafiosa.

Leggi la versione integrale dell’articolo su Gazzetta del Sud – edizione Reggio in edicola oggi.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook