Giovedì, 12 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
MANCANO GLI IMPIANTI

Invio dei rifiuti fuori dalla Calabria: a Reggio aumentano i costi e la Tari

di

Aumentano i costi e anche la Tari. La causa di questo balzello che rischia di pesare sulle tasche delle famiglie dell'area reggina è dettata dalle spese di trasporto e smaltimento dei rifiuti fuori regione. Una probabilità che è emersa nel corso dell'ultima assemblea tra i sindaci dell'Ato. La mancanza di impianti sul territorio, infatti rende necessario questo passaggio.

Sono state avviate le procedure per l'affidamento tanto dell'organico che degli scarti, alle società contattate dalla Regione al miglior prezzo unitario, per il tempo strettamente necessario per svolgere una gara europea a procedura aperta, stimata in circa quattro mesi. Operazione che si annuncia costosa. Ma la copertura è già stata prevista.

In questo scenario i primi cittadini concordano «che l'aumento della Tari, già molto onerosa nella maggior parte dei comuni, derivante sostanzialmente dai maggiori costi di trasporto fuori regione, non dovrebbero differenziarsi da comune a comune ma si dovrebbe spalmare in modo uniforme su tutti».

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria in edicola.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook