Domenica, 16 Giugno 2019
stampa
Dimensione testo
TRIBUNALE

Le 'ndrine di Archi nel settore delle costruzioni edili, in 17 verso l'abbreviato

di

Solo anticipazioni, ma gli indagati dell'inchiesta della Dda “Thalassa” - la maxi operazione firmata dal Centro operativo della Direzione investigativa antimafia di Reggio che ha scoperto un filone di infiltrazioni delle 'ndrine di Archi nel settore delle costruzioni edili, tra cui spiccava la realizzazione dell'elegante complesso con affaccio sul mare di Pentimele (proprio il “Thalassa” da cui il nome all'indagine) - privilegiano il processo con rito abbreviato.

L'udienza di ieri, davanti al Gup Pasquale Laganà, riporta la Gazzetta del Sud in edicola, ha infatti registrato le prime indicazioni (molto di più di formali anticipazioni) di scelta di rito: e ben 15 persone dei 23 indagati complessivi sarebbero convinti di affrontare il processo con rito abbreviato (qualora, pacificamente, fosse disposto nei loro confronti il giudizio).

Tra chi propenderebbe per il processo in abbreviato anche chi secondo gli inquirenti avrebbe le posizioni più complicate, e delicate, facendo parte di quell'ala riconducibile alle cosche di 'ndrangheta di Archi che avrebbe investito nel business del mattone per allargare i propri ricavi illeciti.

L'indagine “Thalassa” ha coinvolto complessivamente 17 persone.  Secondo gli inquirenti il business “Thalassa” sarebbe stato un affare progettato e realizzato da Paolo Schimizzi, fino al 2008 tra i vertici delle nuove generazioni della 'ndrangheta di Reggio. Uomo forte del clan Tegano (nipote del boss Giovanni Tegano e genero di Pasquale Utano, fedelissimo dei clan di Archi), Paolo Schimizzi sparì nel nulla nell'autunno del 2008. Da allora non si è avuta più alcuna notizia. Il suo corpo non fu mai rinvenuto. Un ruolo ed una personalità criminale confermato dalle carte dell'inchiesta “Thalassa”, l'indagine che ha scoperchiato il malaffare in contrada “Armacà”, sul mare di Pentimele, dove l'asse di 'ndrangheta Tegano-Condello, con la benedizione dei De Stefano, costruì un residence per professionisti e famiglie abbienti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook