Giovedì, 21 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
SANITA'

Quota 100, medici in fuga da Asp e ospedali di Reggio: servizi a rischio

di

Prenotare una tac o una radiografia negli ospedali dell'Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria? Un'impresa e soprattutto un'attesa quasi sfiancante. Dover ricorrere a un esame di questo tipo di notte? Ancora peggio.

Nei quattro nosocomi gestiti dall'Asp - due spoke, Polistena e Locri, e due generali, Gioia Tauro e Melito Porto Salvo - mancano medici radiologi. E spesso questo provoca la paralisi dei servizi o lo spostamento dei pazienti da un nosocomio all'altro per avere esiti che dovrebbero essere quasi immediati. Ma la cosa ancora più grave è che non potranno arrivare altri camici bianchi perché la scure del “Tavolo Adduce” che ha fatto le pulci ai conti della sanità calabrese si è abbattuta come un macigno sull'Asp reggina: non ci saranno i concorsi.

In parole povere: i medici che eseguono le tac e le radiografie sono sempre di meno, anche a causa delle continue richieste di pensione anticipata a “quota 100”, e non si può procedere con la loro sostituzione.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione di Reggio Calabria

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook