Lunedì, 09 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA SENTENZA

Locri, per l'omicidio Femia processo senza colpevoli

di

«L'esito di tale rivalutazione di tutti gli elementi evidenziati, ma anche di altri, dal punto di vista del giudizio complessivo finale, è desolante». Lo scrivono i giudici della Corte di Assise di Appello di Roma nella motivazione della sentenza con cui hanno assolto Massimiliano Sestito e Francesco Pizzata dall'accusa di essere gli esecutori dell'omicidio di Vincenzo Femia, originario di Casignana nella Locride, ucciso a Roma il 24 gennaio 2013.

In circa 30 pagine, scrive la Gazzetta del Sud in edicola, i giudici della II Corte romana non hanno ritenuto credibile il collaboratore di giustizia Gianni Cretarola: «Il suo racconto - si legge - è incerto in molti punti e a tratti palesemente incredibile, in aperto contrasto con le altre risultanze processuali».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook