Martedì, 19 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
REGGIO CALABRIA

Nella Piana di Gioia Tauro torna l'incubo dei ghetti per migranti

di

Benvenuti nel nuovo ghetto dei migranti della piana di Gioia Tauro. Siamo in contrada Russo, nel comune di Taurianova, dove un centinaio di immigrati vive in condizioni disumane tra un casolare diroccato e baracche di fortuna. Un campo isolato dal resto del mondo, senza luce né acqua e circondato da montagne di immondizia.

Sembra un déjà vu, un incubo del quale pensavamo di esserci liberati il 6 marzo scorso, quando le ruspe del Genio militare avevano raso al suolo la baraccopoli della vergogna nell'area industriale di San Ferdinando. Doveva essere il primo passo verso un ripensamento del sistema abitativo e di accoglienza degli stagionali africani. Nulla, però, è cambiato da allora, anzi se possibile è anche peggio.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook