Domenica, 29 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sfruttamento e pandemia, l'inferno dei braccianti stranieri nella Piana di Gioia Tauro
IL RAPPORTO

Sfruttamento e pandemia, l'inferno dei braccianti stranieri nella Piana di Gioia Tauro

di
baraccopoli, braccianti, coronavirus, gioia tauro, Reggio, Calabria, Cronaca
La tendopoli di San Ferdinando

Sfruttamento lavorativo, difficoltà di accesso ai diritti fondamentali e ai servizi territoriali, inerzia delle istituzioni, precarietà delle condizioni giuridiche e di vita, illegalità diffusa, passività della politica, rappresentano ancora una volta i tratti distintivi della stagione di raccolta degli agrumi nella Piana di Gioia Tauro, resa ancor più critica dagli effetti della pandemia da Covid-19 sulla vita dei braccianti.

È quanto emerge dal rapporto “La Pandemia di Rosarno”, uno studio tra emergenza sanitaria e sfruttamento endemico effettuato da Medici per i Diritti Umani (Medu) che, per il settimo anno consecutivo, ha operato nella Piana di Gioia Tauro durante la stagione di raccolta agrumicola, fornendo prima assistenza sanitaria e orientamento sull’accesso ai diritti fondamentali ai lavoratori che popolano gli insediamenti precari siti di Rosarno, San Ferdinando, Drosi (frazione del Comune di Rizziconi) e Taurianova.

Lo sfruttamento lavorativo e le pratiche illecite ampiamente diffuse, a cui si aggiungono la carenza di controlli e l’assenza di efficaci misure di contrasto alle illegalità sul lavoro, hanno impedito anche quest’anno l’accesso dei braccianti a condizioni di vita dignitose. Inoltre, la crescente precarietà delle condizioni giuridiche in seguito all’entrata in vigore dei Decreti Sicurezza e gli effetti della pandemia da Coronavirus hanno avuto un impatto peggiorativo sulle condizioni di vita, di lavoro e sulla salute fisica e mentale dei lavoratori stranieri.

Dalla fine di novembre 2019 a maggio 2020 un team multidisciplinare ha raggiunto con una clinica mobile i circa 2.000 lavoratori distribuiti nei diversi insediamenti (ufficiali e informali) della Piana. Oltre all’assistenza medica e all’orientamento sanitario, Medu ha garantito un’attività sistematica di supporto socio-legale e un capillare intervento di informazione, prevenzione e sorveglianza attiva per il Covid-19 dal momento che gli insediamenti precari non sono stati raggiunti da nessuna iniziativa istituzionale di sistema per la prevenzione e il contenimento del virus.

Fino al mese di marzo del 2019, quasi 2.000 persone vivevano in un insediamento di baracche nell’area industriale del Comune di San Ferdinando. Il 6 marzo 2019 l’enorme baraccopoli è stata rimossa con un’imponente operazione di sgombero voluta dall’allora ministro degli Interni Matteo Salvini e sostituita da un’ennesima tendopoli con un numero di posti nettamente inferiore rispetto alle presenze effettive sul territorio e riservati esclusivamente alle persone in regola con il soggiorno. Nella stagione agrumicola 2019-2020, la nuova tendopoli ospitava appena 440 persone.

Lo sgombero ha pertanto costretto centinaia di braccianti a spostarsi in altri territori o a disperdersi in insediamenti ancor più precari. Mentre i resti della baraccopoli – tonnellate di rifiuti speciali – sono ancora in attesa di rimozione, centinaia di persone rimaste senza tetto sono state costrette a disperdersi nelle campagne, tornando ad affollare i casolari diroccati, in condizioni igienico-sanitarie allarmanti e in assenza di luce, acqua, riscaldamento, smaltimento rifiuti. La dispersione e l’isolamento hanno reso ancor più critiche le condizioni di vita dei braccianti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook