Sabato, 16 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Reggio, chiusa l'inchiesta sul cimitero di Modena: 16 indagati
FOCUS SUI LAVORI

Reggio, chiusa l'inchiesta sul cimitero di Modena: 16 indagati

di
Nel mirino della Procura antimafia una cellula di ‘ndrangheta vicina alle cosche Rosmini e Zindato
16 indagati, chiusura indagini, cimitero, lavori, reggio calabria, Sara Amerio, Stefano Musolino, Reggio, Cronaca
I lavori nel cimitero di Reggio Calabria sono stati al centro dell'inchiesta

Le mani della ’ndrangheta sul cimitero di Modena? Sarà proprio questa una delle delle accuse centrali dell’inchiesta “Cemetery Boss” che la Direzione distrettuale antimafia ha chiuso in questi giorni notificando l'avviso ai sedici indagati. Per i Pubblici ministeri Sara Amerio e Stefano Musolino, e gli investigatori della Squadra Mobile che lo scorso maggio hanno eseguito diecimisure cautelari, a scorrazzare nel cimitero di Modena era una cellula di ’ndrangheta, esponenti della cosche Rosmini e Zindato, che con la complicità di un funzionario comunale, monopolizzava i lavori relativi alla tumulazione e estumulazione delle salme, l’edificazione e ristrutturazione delle cappelle funerarie, con l’esclusione delle ditte che non fossero preventivamente autorizzate perché gradite.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook