Venerdì, 26 Febbraio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Arrivano le navi “spazzine” nello Stretto di Messina

Arrivano le navi “spazzine” nello Stretto di Messina

di
L’accordo tra Stato e Consorzio Castalia per il monitoraggio e la pulizia di tutti i mari italiani, compreso il nostro. Saranno 32 le imbarcazioni che faranno la spola da un punto all’altro dello Stivale.

Lo Stretto di Messina non è la peggiore pattumiera del pianeta, così come la ha dipinto un recente studio della “Universitat de Barcelona”. E lo dimostrano le ricerche scientifiche e le campagne attuate negli anni dall’Ateneo peloritano. Ma come tutti i mari, anche il nostro, purtroppo, ha a che fare con la più “sporca” delle emergenze, quella dei rifiuti che finiscono nelle profondità, provocando danni incalcolabili all’ecosistema.
Ora anche nello Stretto arriveranno le navi “spazzine”. È notizia dei giorni scorsi l’accordo raggiunto tra il Governo nazionale e Castalia, esaltata dal ministro uscente dell’Ambiente: «Via la spazzatura dalle coste e dai mari italiani. Una flotta di imbarcazioni pattuglierà ogni giorno gli 8000 km di coste del nostro Paese per recuperare i rifiuti presenti», così ha annunciato Costa. Castalia è un Consorzio che da oltre trent’anni raggruppa 33 aziende italiane specializzate nel settore marittimo ambientale, aziende che operano nel mare territoriale e offshore, con lo scopo di tutelare e salvaguardare l’ambiente marino.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook