Giovedì, 06 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Trebisacce, solo tre medici rimasti in servizio al 118
SANITA' IN CRISI

Trebisacce, solo tre medici rimasti in servizio al 118

di
Il soccorso pubblico attraversa un periodo di particolare difficoltà dopo la morte del sanitario Pino De Vita

Tre soli medici in servizio al 118, e spesso l'ambulanza è costretta ad uscire per i soccorsi non medicalizzata. Così non va, per i sanitari e per gli ammalati. Che rischiano grosso.

I fatti. Purtroppo il Covid assassino, ha privato la Postazione dell'Alto jonio, da ormai due mesi, del dottor Pino De Vita, deceduto al Policlinico universitario di Catanzaro, dopo aver contratto il virus in servizio, è da allora, al dolore, si è aggiunta la beffa. Perché il compianto e indimenticabile specialista in odontoiatria, non è stato mai rimpiazzato. E i suoi colleghi, già prima in sotto organico, sono rimasti in tre. E talvolta, pur facendo, con grande sacrificio e professionalità, i doppi turni, non riescono a coprire sette giorni su sette, notte e giorno, h24 la turnazione.
Nell'universo sanitario che nel comprensorio fa sempre più acqua, nonostante la buona volontà degli operatori. Eppure stiamo parlando di una Postazione che ha una competenza territoriale che va da Rocca Imperiale a Villapiana, passando per i paesi montani, Oriolo, Albidona, Canna, Nocara e Castroregio, senza dimenticare Plataci, Montegiordano, Amendolara, Roseto Capo Spulico, ed Alessandria del Carretto, tanto per citare solo alcuni paesi. Che spaziano da mare a monte, con strade di collegamento talvolta proibitive.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook