Mercoledì, 12 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lotta alla pedofilia, così la Polposta di Reggio insegue e ferma gli orchi nella rete
OPERAZIONE "CANADA 2"

Lotta alla pedofilia, così la Polposta di Reggio insegue e ferma gli orchi nella rete

di
Appello ai genitori: «Seguite la “navigazione” dei vostri figli»

Ci hanno lavorato per oltre un anno e mezzo ed è la stanchezza sui volti degli agenti a trasparire, ma soprattutto l’orgoglio e la soddisfazione di essere riusciti «a dare un contributo al miglioramento della nostra società», spezzando le catene di un giro di pedofili che non ha età e non ha appartenenza, né sociale né culturale: lo spaccato che viene fuori dall’operazione “Canada 2” è agghiacciante e la necessità è quella che tutti si rendano conto «dell’entità del fenomeno».
Tre arrestati, di cui uno a Reggio, e 119 indagati in tutta Italia; fotografie e filmati di bambini e ragazzini (nessuno con più dei dieci anni) abusati e torturati; ottomila video a carattere pedopornografico sequestrati e 230 dispositivi elettronici: sono i numeri dell’operazione “Canada 2” coordinata dalla Procura di Catanzaro e di cui la Polizia Postale di Reggio Calabria è stata il cuore delle indagini. Indagini partite da lontano, proprio dal Canada (da qui il nome dell’operazione): è stata la polizia canadese ad attenzionare alcuni siti e la segnalazione alla Polizia Postale di Reggio è stata trasmessa dal Centro Nazionale di contrasto alla pornografia perché quattro connessioni risultavano in Calabria.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook