Sabato, 15 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Rosarno, un tariffario per le “tasse” al clan
HANDOVER-PECUNIA OLET

Rosarno, un tariffario per le “tasse” al clan

di
L’operazione (53 arresti) ricostruisce le pressioni dei Pesce anche sulle compravendite immobiliari

Tutto, in quel territorio, passa da loro. Nel bene e molto più nel male. I Pesce, ma anche i Molè, i Bellocco, i Piromalli: la loro “legge” continua a governare la Piana di Gioia Tauro, come confermano per l’ennesima volta le ultime operazioni della Dda di Reggio. Decine e decine di arresti, gli ultimi – ben 53 – all’alba di martedì con la doppia inchiesta “Handover-Pecunia olet” condotta dalla Squadra mobile della Questura, dal Ros dei Carabinieri e dal Gico della Guardia di Finanza. Che tutto passi dal controllo assoluto del territorio lo conferma il gip Vincenzo Quaranta che, nell’ultima ordinanza di custodia cautelare, parla di «ulteriore e chiara espressione di un diffuso potere che la cosca Pesce esercita, in un’ottica diretta ad assoggettare al suo controllo ogni aspetto della vita sociale ed economica». E alla “cappa” non sfugge neppure il settore immobiliare, ben al di là dell’intramontabile imposizione della guardiania. «Emerge come la consorteria, vero e proprio presidio territoriale, controllasse, e controlli la proprietà immobiliare; si tratta invero – scrive il giudice per le indagini preliminari – di un diffuso controllo sulla proprietà privata e sulla libera iniziativa negoziale», che passa dal monitoraggio a tappeto de mercato immobiliare «in modo da intercettare i trasferimenti e sottoporli a un prelievo economico forzoso, secondo un tariffario che tiene conto dell’estensione del bene».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook