Martedì, 28 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Anche i cani “prigionieri”. Il Lido di Reggio è... terra di nessuno
LA DENUNCIA

Anche i cani “prigionieri”. Il Lido di Reggio è... terra di nessuno

di
“Cittadini per il cambiamento” chiede l’intervento della Magistratura
Lido Reggio Calabria, Reggio, Cronaca
Uno dei cani a spasso tra le cabine devastate del Lido di Reggio Calabria

Non bastavano la struttura cadente, le cabine devastate, i rifiuti, il degrado assoluto, i rivoli maleodoranti: ora al Lido comunale spuntano anche i cani reclusi chissà da chi nelle cabine assolate. La denuncia, circostanziata e con tanto di fotografie, è del presidente dell’associazione “Cittadini per il Cambiamento”, Nuccio Pizzimenti, che attraverso il prefetto chiede fra l’altro l’intervento della Magistratura. A riaccendere la miccia – che in verità non si è mai spenta – è stato un recente sopralluogo del vicesindaco Tonino Perna, «mandato – accusa Pizzimenti – a far vacua passerella dal sindaco Falcomatà», mentre «i reggini dopo due anni di abbandono del Lido ormai lo vedono ridotto a mal partito, oltre che “terreno” di “presenze” oscure e malavitose, con dei poveri cani reclusi nelle cabine assolate, per non parlare dell’atavica fogna e delle cabine dolosamente bruciate e delle molte altre piene di rifiuti e di escrementi umani!».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook