Mercoledì, 27 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Bike sharing tra furti e danni ma il Comune di Reggio non arretra
MOBILITÀ

Bike sharing tra furti e danni ma il Comune di Reggio non arretra

di
A venti giorni dalla riattivazione del servizio si registra poco senso civico

Danneggiate, rubate, vandalizzate. A meno di venti giorni dal riavvio del servizio di bike sharing, si contano i danni alla flotta di biciclette. L’utenza continua a non brillare per senso civico. L’idea della rivoluzione della mobilità green su cui l’amministrazione ha investito è quella che viene proposta nelle città turistiche e non solo. Se da una parte ci si rivolge a chi viene per visitare il territorio (molti degli stalli sono concentrati proprio nei luoghi simbolo del centro storico) dall’altra anche i residenti hanno apprezzato la sperimentazione che messo sulle strade 130 biciclette, 50 a pedalata assistita e 80 a trazione muscolare, il tutto a prezzi davvero popolari. Un entusiasmo che deve fare i conti però con un senso di appartenenza che pare non riesca ad attecchire. Le segnalazioni degli utenti virtuosi che vorrebbero trovare mezzi funzionanti agli stalli sono diverse. Le bici elettriche quando si trovano non sono funzionanti. Vengono vandalizzate, questi prodi delle due ruote tagliano i fili dell’impianto elettrico per forzare la batteria rubarla. E il sospetto che dall’intero parco manchino non solo le batterie ma bici complete si fa strada prepotentemente.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook