Lunedì, 27 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Reggio, insulti e minacce social al sindaco. Sale la tensione sull’isola pedonale
POLEMICA

Reggio, insulti e minacce social al sindaco. Sale la tensione sull’isola pedonale

di
Ennesima giornata di caos sul fronte della viabilità in centro. Falcomatà pubblica alcuni messaggi: «Mi scuso per i disagi però leggere cose di questo tipo, credetemi, fa davvero male»

La questione non è più isola pedonale sì o no, chiusure sì o no, doppio senso sul lungomare sì o no. Ora investe anche il clima d’odio che troppo spesso si respira, l’uso distorto (e illegale) dei social e la reazione di un amministratore che legge una raffica di insulti (nella migliore delle ipotesi) e minacce (di morte, nella peggiore). D’altronde il limite è stato superato da tempo e quella di ieri è l’ennesima conferma. «Leggere cose di questo tipo però, credetemi, fa male e ferisce», dice il sindaco Giuseppe Falcomatà. Che – e manco questa è, purtroppo, una novità – diventa il bersaglio preferito di chi “leone” non può essere definito neanche “dietro una tastiera”.

È un’antologia di volgarità, bassezza, decadimento culturale e chi più ne ha più ne metta il campionario di messaggi ricevuti su Facebook che lo stesso Falcomatà, nel caldissimo pomeriggio di ieri, ha ritenuto di rendere pubblici. E si tratta «solo di quelli pubblicabili», precisa.
A scatenare un ingiustificabile odio è il provvedimento che chiude al traffico una parte di corso Matteotti, consentendo l’allestimento – per la verità non ancora avvenuto – di dehors e gazebo nel “cuore” di una città pronta a ripartire dopo mesi di chiusure e coprifuoco.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook