Martedì, 25 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ospedale di Reggio, liste d’attesa abbattute e potenziamento della robotica
LE NOVITA'

Ospedale di Reggio, liste d’attesa abbattute e potenziamento della robotica

di
Il direttore sanitario Costarella: "abbiamo attivato percorsi per i pazienti affetti da tumore a mammella e colon"

Sono state sempre un tallone di achille per l’azienda ospedaliera reggina, le liste di attesa. Sulle quali adesso il Gom sembra avere cambiato passo. «Le abbiamo ridotte in modo sostanziale, trattandosi di un problema cruciale. È doveroso offrire risposte in tempi ragionevoli e crediamo di avere raggiunto un risultato importante», assicura il direttore sanitario, Salvatore Costarella. Ed a proposito di prestazioni, crescono l’alta qualità e la moderna tecnologia. «Gli interventi in laparoscopia al colon raggiungono​ il 95% dei casi. Un sistema di ottima chirurgia robotica presiede, con soluzioni anche definitive, vari “campi”; addome, ernia ed urologia. Proprio in quest’ultima branca,​ ha avuto grande eco – ricorda Costarella- l’intervento al quale si è sottoposto Robert Sarah, cardinale di Santa Romana Chiesa, sceso da Roma​ in riva allo stretto per farsi curare ed operare dalla equipe guidata dal dott Sgrò. La sua è stata una testimonianza di​ grande fiducia nei confronti del nostro ospedale che quotidianamente offre prestazioni importanti anche se poi non accedono ad eguale ribalta. Un ospedale con senso di comunità dovrebbe sempre animare luoghi di sofferenza ma anche​ di rinascita. Di dolore e di speranza».

Ancora, notizia attesa è la messa a punto di percorsi accelerati per chi scopre di avere un tumore alla mammella e al colon. «Un momento altamente sociale cui avevamo messo mano poco prima del covid; adesso- assicura il ds- la soluzione è davvero a portata. Nel giro di sette- dieci giorni, si arriva dalla diagnosi alla cura. Era la risposta che dovevamo a dare a chi si trova ad affrontare una difficile prova di vita e adesso lo può fare in tempi stretti, senza “sradicare” la propria appartenenza reggina, e sapendo di potere contare su professionalità che non sono seconde a nessuno».​

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook