Mercoledì, 01 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Pastori, risorsa dimenticata per la lotta agli incendi nell'Aspromonte
L'INTERVENTO

Pastori, risorsa dimenticata per la lotta agli incendi nell'Aspromonte

di
Il già presidente dell’Ente Parco, Bombino rivendica il suo progetto

Rivendica i risultati in termini di ettari risparmiati dalle fiamme. Il già presidente dell’Ente Parco, nonché docente del dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea torna a parlare degli incendi e dei progetti che vedevano nei pastori le sentinelle del territorio. All’indomani della conferenza dell’attuale presidente del Parco, Leo Autelitano, Bombino torna sulla vicenda e parte da un’analisi chiara: «Non c’è modo di monitorare gli angoli più remoti della nostra montagna. Non vi sono strumenti né mezzi che possano mettere al sicuro i boschi da chi progetta la distruzione. Occorre valorizzare la conoscenza di chi, invece, la montagna la vive, la abita, si muove attraverso i sentieri più ancestrali e le pieghe più nascoste. Una filosofia innovativa sui cui, negli anni 2015 2016 e 2017, avevamo avviato una sperimentazione» sottolinea Bombino che risponde alle frecciate che indica i dettagli e i numeri delle determine (n. 300 del 2015, n. 184 del 2016 e n. 251 del 2017 del Parco Nazionale dell’Aspromonte, unitamente all’avviso pubblico per l’ingaggio e la selezione dei soggetti interessati).

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook