Lunedì, 06 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Alta velocità a Reggio, ora o mai più. "Ma il tracciato va rivisto"
INCONTRO

Alta velocità a Reggio, ora o mai più. "Ma il tracciato va rivisto"

di
L’ingegnere Russo riaccende la miccia nel convegno dell’associazione culturale “Da Domani”

“L’è tutto sbagliato; l’è tutto da rifare”. Cita il grande corridore Gino Bartali, l’ing. Francesco Russo a proposito del nuovo tracciato dell’alta velocità ferroviaria ipotizzato dal Governo. Quella da Battipaglia fino a Reggio Calabria, passando per Praia a Mare, poi verso l’interno in direzione del nodo di Tarsia, e lungo la Valle del Savuto fino a Lamezia Terme. Una proposta progettuale che non piace affatto. Se ne è parlato ieri in un seminario svoltosi a Palazzo San Giorgio sul tema “Collegamenti ferroviario Nord-Sud: quale futuro?” organizzato dall’associazione culturale “Da Domani”, in collaborazione con l’Ordine degli ingegneri reggini. E proprio Russo, docente ordinario di trasporti dell’Università Mediterranea ed ex assessore regionale, ha rivolto pesanti critiche al progetto. «Possiamo dire tutto, edulcorare ogni considerazione – afferma – ma un progetto che passa dai 390 km attuali del tracciato a circa 450 è un progetto “go-kart”. Quando fu realizzata la Roma-Firenze, il nuovo tracciato dell’alta velocità era di 70 km più corto del vecchio. In Calabria, come per magia accade il contrario. È inaccettabile». È dunque necessaria una grande battaglia per cambiare questa idea, che riporta ad epoca manciniana, con il tracciato definitivo dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria per non isolare Cosenza.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook