Sabato, 29 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Confindustria: basta giocare sulla pelle di Reggio Calabria
CRISI AL COMUNE

Confindustria: basta giocare sulla pelle di Reggio Calabria

di
Il presidente Vecchio infastidito dalle liturgie della politica
Reggio, Cronaca
Domenico Vecchio

Politica e impresa, due mondi che dovrebbero interfacciarsi ma spesso non si capiscono. La dimostrazione è la crisi politica e la conseguente paralisi amministrativa di Palazzo San Giorgio: una situazione frustrante per i cittadini ma del tutto insostenibile per gli imprenditori reggini, i quali seguono con grande apprensione le sorti dell’Amministrazione comunale, che mutano con il trascorrere dei minuti. «È inaccettabile che una città come Reggio debba restare “sospesa” per una settimana, e non si ancora per quanto tempo, in attesa che la politica risolva i problemi che essa stessa ha creato», tuona il presidente di Confindustria Domenico Vecchio. «Le aziende e gli imprenditori reggini stanno vivendo un momento di grande difficoltà a causa della pandemia e non possono certo essere loro a pagare il prezzo delle scelte del sindaco sospeso Falcomatà che non sono state gradite dalla sua maggioranza e dal PD in particolare. Bisogna trovare una soluzione in tempi rapidi – auspica il numero uno di Confindustria Reggio – perché i momenti di “sospensione” e di attesa sono i peggiori per chi vive del proprio lavoro e deve stare sul mercato».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook