Martedì, 28 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Reggio, case di cura a secco di fondi e dipendenti senza stipendi
SANITA'

Reggio, case di cura a secco di fondi e dipendenti senza stipendi

Ieri la protesta a Piazza Italia: 800 famiglie reclamano attenzione. La Prefettura si è subito attivata con l’Asp

In piazza per rivendicare il diritto ad avere uno stipendio. I dipendenti del comparto sanitario delle case di cura private di Reggio Calabria sono scesi in piazza.
Medici, infermieri-operatori socio sanitari, ed amministrativi delle strutture di Villa Elisa, Villa Sant’Anna, Casa di cura Caminiti, Villa Aurora e Istituto Ortopedico hanno manifestato a Piazza Italia chiedendo di essere ricevuti dal prefetto Massimo Mariani al fine di sbloccare i mancati pagamenti che ormai da oltre 8 mesi non vengono corrisposti alle citate strutture.
Le mancate spettanze economiche che l’Asp deve corrispondere a queste case di cura provoca a loro volta ripercussioni sui lavoratori.
Alcuni delegati dei gruppi delle singole strutture hanno chiesto un incontro al prefetto Massimo Mariani e sono stati ricevuti dal Sub commissario prefettizio Oteri, che era già perfettamente a conoscenza della vicenda in quanto parte attiva nelle procedure di raffreddamento dei rapporti tra l’ex commissario dell’Asp Scaffidi e le case di cura.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook