Giovedì, 06 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ambientalisti: no al "Jova Beach Party" a Roccella
LA PROTESTA

Ambientalisti: no al "Jova Beach Party" a Roccella

Le associazioni della Calabria: «Vietare grandi eventi in aree naturali"

Alcuni associazioni ambientaliste, Lipu, Italia Nostra, Marevivo, StorCal e Rifiuti Zero, hanno sottoscritto una nota in cui esprimono la loro contrarietà al «Jova Beach Party», il concerto di Jovanotti in programma a Roccella Ionica, in provincia di Reggio Calabria, il 12 e 13 agosto. "Il luogo scelto per lo spettacolo - affermano le associazioni - non è un’area protetta, né tanto meno quest’anno sono state rilevate, finora, nidificazioni di Fratino e di Tartaruga marina, le due specie che normalmente si riproducono nell’area scelta per lo spettacolo. Le autorizzazioni sono state concesse ed è quindi tutto legale e regolare. Via alle ruspe, dunque, per lo sbancamento e il livellamento della spiaggia, alla sistemazione del 'villaggio, grande pressappoco quanto tre campi di calcio), delle luci e di tutto il necessario. L’area ionica reggina in cui è in programma il concerto è, però, tra le più vocate per ospitare le due specie a rischio di estinzione. Per vivere e riprodursi hanno bisogno della spiaggia, non possono farne a meno, perché è proprio sulla spiaggia che depongono le loro uova e lo fanno da migliaia di anni, prima ancora che Jovanotti si inventasse questa 'grande figata'. Tutte le coste italiane, sabbiose o rocciose che siano, sono aree preziose per la biodiversità. D’estate subiscono una forte pressione antropica e i mega eventi in spiaggia, aggravano notevolmente la già precaria conservazione di questi siti, fonte di grave disturbo per la fauna selvatica. Spiagge e litorali rappresentano ambienti fragili e dinamici e sono importanti aree di transizione tra la terraferma e il mare. Movimentare, come nel caso del 'Jova Beach Party', migliaia di metri cubi di sabbia per rendere fruibile la spiaggia a migliaia di persone, oltre a distruggere dune, piante pioniere ed ecosistemi diversi, è pericoloso per la stabilità dell’arenile».

«Gli organizzatori - dicono ancora gli ambientalisti - sostengono che tutto sarà riportato come prima. Ma questa è una menzogna, come del resto è stato dimostrato in altri siti coinvolti da passaggio del 'Jova Beach party'. In molti casi il danno sarà irreversibile. I processi di ripristino hanno tempi naturali molto lunghi. Una spiaggia aggredita contemporaneamente da migliaia di persone che ballano, saltano e compattano la sabbia, preventivamente livellate dalle ruspe, non tornerà come prima se non dopo anni. Non esistono concerti ecosostenibili in spiagge o aree naturali. Anzi, questi sono spesso il frutto di decisioni, anche politiche, che violano gli stessi valori di sostenibilità e tutela ambientale declamati tra le loro finalità. Ed è ancora più strano che vengano concesse autorizzazioni per concerti, visto che ad oggi l’articolo 9 della Costituzione non tutela più solo il paesaggio, ma anche l'ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, ponendo anche un limite all’iniziativa economica privata, che non può svolgersi in contrasto con la salute e l’ambiente. Ma evidentemente tutto questo non basta. Per tali motivi - conclude la nota - chiediamo che siano introdotte al più presto norme che vietino pratiche pericolose e ingiuste, dal momento che esistono luoghi storicamente deputati allo svolgimento di spettacoli come quello di Jovanotti, come stadi e arene»

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook