Giovedì, 26 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L'Antiriciclaggio multa la Novum Bank. Il proprietario era finito anche in un'inchiesta a Reggio Calabria
L'INCHIESTA

L'Antiriciclaggio multa la Novum Bank. Il proprietario era finito anche in un'inchiesta a Reggio Calabria

novum bank Malta, procura, Reggio, Cronaca
La Procura di Reggio

La Novum Bank, banca privata basata a Malta di proprietà del miliardario olandese Marcel Boekhoorn, è stata multata a seguito di un’indagine antiriclaggio della Financial Intelligence Analysis Unit (il team antireati finanziari maltese, rafforzato per uscire dalla 'lista grigia') per non non avere svolto i necessari controlli su una transazione da 16 milioni di euro nel 2019.
Boekhoorn, 63 anni, è un noto imprenditore della finanza ma anche filantropo, proprietario del gruppo Ramphastos Investments ed uno degli uomini più ricchi d’Olanda con un patrimonio personale valutato in 2,2 miliardi di euro. L’indagine compiuta dalla Fiau nel 2019 rivelò che oltre alla transazione da 16 mln, la banca aveva mancato di compiere i dovuti controlli anche su una serie di altri movimenti nell’ordine tra 400mila e 2 milioni ciascuno. La banca aveva argomentato di avere sufficiente conoscenza dei clienti aziendali da non avere nulla da ridire su movimenti di «importi limitati». La Fiau ha invece chiesto alla banca di alzare il livello di controllo sulle transazioni, indipendentemente dal loro importo. Nel 2018, riferisce Times of Malta, la stessa banca fu multata dal regolatore olandese per 1,75 milioni di euro dopo aver scoperto irregolarità nel processo di concessione della licenza bancaria in Olanda.
Un anno dopo Boekhoorn è stato accusato di reati finanziari dalla procura di Reggio Calabria, per un’altra vicenda legata alla Novum Bank ed emersa quando l’authority maltese per il controllo sui giochi (Mga) approvò la licenza per una gaming company di proprietà del miliardario olandese, nonostante fosse a conoscenza delle indagini in Italia sul sospetto che Boekhoorn e suoi soci avessero usato denaro di provenienza mafiosa per acquistare - tramite Ramphastos - l’80% di una società di 'gaming design'.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook