Venerdì, 09 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Droga, gli affari di Mammoliti da San Luca fino al “cuore” dell’Europa
REGGIO CALABRIA

Droga, gli affari di Mammoliti da San Luca fino al “cuore” dell’Europa

di
Dal racconto del pentito di camorra all’ultima inchiesta della Dda Di Napoli. I rapporti tra clan consolidati in una festa di battesimo nella Locride

L’ombra di San Luca e Duisburg. S’incrocia lo zampino dei Mammoliti con l’ultima inchiesta della Dda di Napoli, sfociata in 28 arresti tra Campania e Calabria, con cui si sarebbe smantellata la rete di narcotrafficanti legata al superbroker della cocaina Raffaele Imperiale.
Tra i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare c’è anche Giuseppe Mammoliti, 51 anni, nato a San Luca, «anagraficamente residente a Duisburg in Germania», attestano gli inquirenti. L’uomo è sospettato di essere «parte integrante dell’organizzazione finalizzata al traffico di stupefacenti», a guida a sua volta di un sottogruppo.
«Dalla provincia di Reggio Calabria – è l’accusa, ancora ovviamente nella fase delle indagini preliminari e tutta eventualmente la confermare – Mammoliti organizza la ricezione della droga presso i depositi siti in provincia di Napoli e Caserta (Quarto - Giugliano in Campania - Marano)», mettendo a disposizione «la sua rete logistica e i suoi corrieri per i trasporti, soprattutto dal Belgio». Ancora, Mammoliti disporrebbe di un custode e contabile, «che riceve ed occulta i carichi di droga trasportati, consegna il denaro, effettua cessioni di droga in Abruzzo».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook