Questo sito contribuisce all’audience di Quotidiano Nazionale

Ospedale di Oppido: "Radiologia attiva dal 20 ma non si può prenotare"

La rabbia del comitato “19 febbraio”. L’Asp a marzo aveva dettato i tempi della riapertura

«La radiologia oppidese è utilizzabile ma resta ferma a causa dell’incuria e del disinteresse di chi dovrebbe fare e non fa. Restituitela a coloro che ne hanno bisogno». È questo il messaggio di denuncia lanciato ieri dal comitato spontaneo “19 febbraio” a tutela dell’ospedale di Oppido Mamertina.

Dopo oltre settanta giorni di mobilitazione permanente e pacifica e di costanti attività di sensibilizzazione sul territorio, il collettivo questa volta ha tuonato contro i ritardi nella riattivazione del servizio radiologico all’interno del “Maria Pia di Savoia”.

«Siamo in presidio affinché tutto ciò che è stato promesso si avveri – ha scandito la portavoce del comitato Margherita Mazzeo – e tra queste, lo scorso febbraio, la commissaria dell’Asp aveva inserito la riapertura del reparto di radiologia, funzionale al riconoscimento di presidio di zona disagiata. La dottoressa Lucia Di Furia con missiva del 3 marzo dettava i tempi della riattivazione, invece la radiologia di Oppido, dal punto di vista tecnico e radioprotezionistico, è funzionante e già utilizzabile dal 20 aprile, ma di fatto non è operativa poiché non è ancora prenotabile alcuna prestazione attraverso il CUP dell’Asp di Reggio Calabria».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio 

Digital Edition
Dalla Gazzetta del Sud in edicola

Scopri di più nell’edizione digitale

Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale.

Leggi l’edizione digitale
Edizione Digitale

Caricamento commenti

Commenta la notizia