Lunedì, 18 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
I DATI

Istat, il 22% dei reggini sceglie di andare al Nord per farsi curare

di

La speranza di vita per chi nasce e vive nell'area metropolitana di Reggio Calabria è di 82 anni; il reddito pro capite medico è di 12 mila euro all'anno e con i pensionati con percepiscono indennità di basso importo che sono il 15%. A Reggio va uno dei più tristi primati italiani per mobilità passiva sanitaria: il 22% ha scelto di curarsi fuori regione, solo le province molisane di Isernia e Campobasso fanno peggio.

A tutto questo va aggiunto che Sono questi alcuni dei dati che vengono fuori leggendo il rapporto dell'Istituto nazionale di Statistica che nei gironi scorsi ha reso uno studio a livello provinciale di tutta Italia sull'indice di benessere socio-economico. L'Istat fotografa l'andamento dei territori dal 2016 al 2018 e li divide sulla base di 56 indicatori statistici che nell'edizione 2019 sono articolati in 11 domini: salute; istruzione e formazione; lavoro e conciliazione dei tempi di vita; benessere economico; relazioni sociali; politica e istituzioni; sicurezza; paesaggio e patrimonio culturale; ambiente; innovazione, ricerca e creatività; qualità dei servizi.

Il resoconto del territorio derivante da questo studio è poco edificante: pochi studiano, molti emigrano per curarsi, manca il lavoro e la dichiarazione dei redditi parla di una popolazione in affanno.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook