Martedì, 18 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Lavori in tangenziale a Reggio, la Uil: "Politica indifferente al disagio"

di

«Quanto sta accadendo sulla tangenziale cittadina, oltre che vergognoso e grottesco, certifica l’ennesimo cortocircuito istituzionale rappresentato dal fallimento di quanti avrebbero dovuto, sovrintendere e controllare “il disinvolto” modus agendi dell’Anas. La compostezza di un’intera comunità che sopporta civilmente gli inconvenienti conseguenti all’indifferibile sostituzione dei vecchi guard-rail con le barriere “new jersey”, mal si coniuga all’indifferenza, insufficienza e pressapochezza di chi è preposto al controllo. Vista la travolgente criticità, è chiaro che la problematica è stata colpevolmente sottovalutata e non adeguatamente affrontata, il tutto andava preventivamente e accuratamente predisposto a partire dalle modalità d’appalto, pena la prostrazione, sine die, di una città».

È arrabbiato, come tutti i reggini, il segretario provinciale della Uil Nuccio Azzarà, il quale sostiene che «quanto fatto finora consiste nella paralisi della mobilità in città, economia al collasso, scuole e uffici in difficoltà, pregiudizio costante dei piani operativi relativi a ordine pubblico e urgenza-emergenza sanitaria. Se aggiungiamo consumo carburante e usura dei mezzi, si deve ritenere che qualcuno sia riuscito a propinarci un ulteriore, indesiderato esoso balzello».

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X