Martedì, 25 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Reggio, dopo un anno la Vara torna nella sua “casa” all’Eremo
IL RITO

Reggio, dopo un anno la Vara torna nella sua “casa” all’Eremo

di
Oggi l’evento che incarna fede e tradizione

L’orario non è stato ufficializzato, ma si è appreso che oggi, di buonora, la Vara adibita al trasporto del quadro della Madonna della Consolazione, dopo quasi un anno di delicati restauri, risale all’Eremo partendo dall’Astronave. Qui resterà – secondo tradizione – fino a settembre custodita dai frati cappuccini guidati da padre Alessandro. La Sacra Effigie, autore nel 1547 il pittore reggino Niccolò Andrea Capriolo, ha preceduto di qualche settimana (cioè nella ricorrenza della festa di Cristo Re per decisione dell’arcivescovo Fortunato Morrone) la poderosa “macchina a braccia” che in tempi non pandemici viene venerata da ali di folla con canti e preghiere, durante le processioni. Il coronavirus, l’anno scorso e quest’anno, ha impedito, per i noti motivi di sicurezza, la riedizione del diretto contatto della Patrona con i suoi figli. Il trasferimento fra la Basilica dell’Eremo e il Duomo, e viceversa, è stato effettuato, sempre a cura dei portatori, su un camioncino e poi anche su un autobus dell’Atam scoperto (compatibilmente, peraltro, con le condizioni atmosferiche) che hanno seguito velocemente i percorsi preordinati.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook