Domenica, 20 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
SERIE C

La Reggina chiede strada al Bisceglie, servono attenzione e furore

di

Bisceglie tappa fondamentale per continuare la serie positiva e dare tono alla classifica, aggiungendo tre punti pesanti. Non è un azzardo pensare che questa Reggina possa farcela a vincere in Puglia. Di fronte, però, c’è una squadra rivoluzionata in queste ultime ore, con Paolo Vanoli nuovo allenatore e priva di tanti elementi. Ben cinque i volti nuovi in Puglia, mentre la posizione della squadra in graduatoria è fragile e preoccupante. Questo significa che gli amaranto dovranno “alzare” la guardia, provando a giocare con maggiore convinzione rispetto al recupero infrasettimanale di Viterbo dove, nonostante il pareggio, la Reggina ha sofferto parecchio.

Trasferta e avversario, quindi, da non sottovalutare, anche perché il pubblico di casa potrà fare la differenza, trascinando un Bisceglie che arranca ed  è in evidente disagio psicologico. Anche nella rivoluzione, i pugliesi non hanno nè grandi nomi, nè aspirazioni. L’unico obiettivo è mantenere la C. Da qui, per la Reggina, la necessità di affrontare l’impegno con rabbia e la massima determinazione, cancellando le incertezze che potrebbero costarle tanto.

Il curriculum del Bisceglie è misero: tre vittorie, sei pareggi e ben dieci sconfitte. È evidente, numeri alla mani, che sul piano tecnico la Reggina ha parecchie cose in più. Ma ci vuole attenzione e tensione agonistica per allungare la striscia di risultati positivi, regalando al nuovo proprietario Luca Gallo –  che domani si presenterà alla città – il primo splendido sorriso.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook