Sabato, 13 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Reggio ed il "frontemare" rimasto un sogno: Tempietto, Calopinace, Parco Lineare Sud nel degrado FOTO | VIDEO

Reggio ed il "frontemare" rimasto un sogno: Tempietto, Calopinace, Parco Lineare Sud nel degrado FOTO | VIDEO

di

"Bello e impossibile", recitava così il celeberrimo brano di Gianna Nannini nel lontano 1986. Bello e impossibile come il "frontemare" di Reggio Calabria che esiste solo sulla carta. Se nella scorsa primavera fu inaugurato il "Waterfront" nella zona del lungomare a Nord della città nei pressi del lido comunale, tutt'altra storia è quella relativa al collegamento tra la fine del kilometro più bello d'Italia con l'area Sud della città.

Nel lontano 2008 l'inizio del "sogno" con il cantiere del Parco Lineare Sud. Tanti bei propositi, l'idea di mettere in moto un unico salotto in riva al mare collegando la zona del Tempietto (posta al termine del lungomare Falcomatà poco prima della stazione ferroviaria) con il Parco Lineare Sud fino praticamente a Piazza Capannina. Un lungo tratto di litoranea dove la città avrebbe potuto respirare e praticare una idea di città moderna e fruibile con ampi spazi verdi, percorsi pedonali e ludici, piste ciclabili, palestre all'aperto e altro ancora. Di mezzo, poi, il crocevia del torrente Calopinace a separare il lungomare ed il Parco Lineare Sud. Un cantiere fermo da anni con il problema mai risolto. Altro che ponte in legno come prospettato da qualcuno tempo addietro.

Insomma, Reggio Calabria, già afflitta da numerose criticità che si riflettono nella routine quotidiana dei reggini, rimane non solo un cantiere aperto, ma una città che fatica a fornire una solida prospettiva di sviluppo per i suoi residenti e per chi sceglie di andare a vivere nella città metropolitana.

Il degrado parte dalla zona del Tempietto: lo scorso anno di questi tempi il sindaco sospeso Giuseppe Falcomatà affidò ai social una riflessione affermando di come erano belli i tempi in cui andava a fare jogging in quell'ultimo avamposto di lungomare. "Un pugno nello stomaco" lo definì nel marzo del 2021. Finalmente però abbiamo approvato in giunta il progetto esecutivo di riqualificazione dell’intera area. E' una sfida; una sfida che ci consentirà di cambiare volto ad una delle zone più belle e frequentate della nostra città; una sfida che possiamo vincere insieme. Ancora una volta". Ma dell'investimento di 750mila euro circa, nell'ambito delle risorse dei Patti per il Sud, nemmeno l'ombra. E così il Tempietto rimane una zona vasta, 3 ettari lasciati nel totale abbandono: lampioni divelti, ringhiere letteralmente "mangiate" dalla salsedine, marciapiedi e pavimentazione dissestata, pista ciclabile ormai praticamente ridotta a brandelli. Insomma, una situazione di forte degrado che parte dal cuore della città e si estende fino al cuore del Parco Lineare Sud. Qui dove qualcosa si è mosso negli anni passati, ma che non può essere bastevole per poter dire ancora una volta che a luglio l'opera verrà inaugurata. I residenti della zona, insieme ai pescatori e alle decine di diportisti che tengono le loro barchette in spiaggia, devono fare i conti con problemi ormai insoluti: fogne a cielo aperto (almeno una di esse non presenti nelle carte del Comune) che si riversano a mare, il fenomeno delle "sciroccate" che colpisce, non solo le abitazioni presenti lì da sempre, ma anche l'ammodernamento creato per rendere più moderno e funzionale quel tratto di "frontemare" posto alle spalle di viale Aldo Moro. Fino ad arrivare poi a Piazza Capannina, una sorta di "zoo" all'aperto con la "fontana" trasformatasi in una vera e propria discarica.

Lo slogan della "città che dialoga con il suo mare" è rimasto fermo nel cassetto ed i reggini attendono dopo anni, sono trascorsi quasi 15 anni, che le infrastrutture e le opere di ammodernamento previsti possano dare un nuovo volto alla città.

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook