Mercoledì, 30 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura L'"Opera" di Tresoldi, un dialogo nuovo nel dialogo antico

L'"Opera" di Tresoldi, un dialogo nuovo nel dialogo antico

di

Ho incontrato la me stessa di 3 anni, appiccicosa di gelato, accanto a una panchina. E poi la me stessa di 17 anni che passeggiava con le amiche sotto le fronde immense e l’ombra preistorica dei ficus-magnolie. E la me stessa, poi, degli anni della lontananza e dei ritorni – come qui capita sempre più spesso, sempre più a tanti. Erano tutte e tre in giro per il Lungomare, mentre cercavo un modo per abbracciare con lo sguardo l’estensione e i riverberi di “Opera”, l’installazione di Edoardo Tresoldi che da oggi della città e del suo lungomare è patrimonio – materiale, immateriale? Chi può dire con esattezza a cosa appartenga, questa materia smaterializzata che non fa che scomporsi e ricomporsi, giocando con le percezioni e persino i ricordi.

C’è il segno forte della colonna, richiamo immediato ad archetipi che (letteralmente) reggono il nostro passato magnogreco (un passato di splendore che chiunque, su queste sponde, sente come prossimo, familiare, e non lontano millenni com’è). C’è la sintassi sinuosa e irregolare che suggerisce percorsi altri, fuori dalla logica del colonnato ma semmai lungo la linea delle aiuole e degli alberi, le volute delle radici, l’intreccio alto delle fronde. C’è la trasparenza della rete sottile, che contiene eppure dissolve le forme, le organizza e le disperde secondo il vagare dell’occhio, l’inclinazione della luce, il capriccio delle nuvole, il blu oltremare o oltremondo che s’impossessa delle cose, in certe ore o stagioni. C’è l’intero gioco di prospettive ingannevoli, mutevoli, multiformi che da sempre lega l’orlo della città e il suo mare stretto, tra la sagoma lontana del vulcano e il rifugio del porto. C’è l’illuminazione che cambia la consistenza e la presenza delle colonne, innescando nuove suggestioni.

Non è necessario appartenere a questi luoghi per sentire la potenza di questo dialogo nuovo che entra dentro il dialogo antico tra la città e il mare, ma è più bello ancora aggiungere alle dimensioni illimitate che quest’ “Opera” mette in opera anche la città invisibile, stratificata che abita ciascuno di noi (gli anni dell’abbandono e della fioritura, di gioia o di dolore individuale o collettivo, le feste e i lutti).

È un’opera coraggiosa, l’ “Opera” di Tresoldi, sfacciatamente poetica dentro un luogo già immensamente poetico. È un’opera imperiosa ma gentile, che invita a guardare, guardare, non spegnere mai lo sguardo (come può capitare a chi abita la Bellezza, e un giorno smette di vederla...).

E’ un’opera illimitata, l’ “Opera” di Tresoldi, come lo Stretto: puoi continuare a fissarlo per ore, mentre persiste e cambia, e non finirai mai d’inseguirlo, percorrerlo, aggirarlo senza abbracciarlo mai tutto, senza che ti sfugga e si ricomponga in altra forma, in altra luce.

È un’opera inconsumabile, come la memoria, come la memoria del futuro.

Foto di Attilio Morabito

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook