Venerdì, 23 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Villa San Giovanni, sequestrati 1.000 kg di neonata destinata ai mercati siciliani: multa di 25mila euro

Villa San Giovanni, sequestrati 1.000 kg di neonata destinata ai mercati siciliani: multa di 25mila euro

Non esita a placarsi la commercializzazione del novellame di sarda che vede pescatori di  frodo e commercianti senza scrupoli continuare incessantemente la loro attività illegale.

Allo scopo di arginare quello che risulta essere un fenomeno che solo apparentemente può  sembrare superficiale, ma che in realtà ha dalle conseguenze devastanti per l’ecosistema  marino, in questi giorni è in atto un’ampia attività complessa, che vede operare mezzi navali  e terrestri della Direzione marittima di Reggio Calabria, coordinati dal 5° Centro Controllo
Area Pesca, con la collaborazione del personale delle Capitaneria di porto di Messina e di Milazzo e l’ausilio della componente aerea del Servizio Aereo Guardia costiera di  Catania.

La vasta attività di controllo messa in campo, ha portato ad intercettare nel corso della scorsa notte, presso il porto di Villa San Giovanni, un importante quantitativo di novellame  di sarda proveniente dalla Puglia e diretto ai mercati siciliani. Durante un accertamento effettuato ad un furgone intento ad imbarcarsi per la Sicilia,  militari della Capitaneria di porto di Reggio Calabria e degli uffici locali marittimi di Bagnara Calabra e Villa San Giovanni, hanno rinvenuto circa 200 cassette contenenti novellame di  sarda, più comunemente chiamato “bianchetto”, per un totale di circa 1000 kg.

E' uno dei più ingenti quantitativi di novellame sequestrato quest’anno e che avrebbe potuto fruttare nel mercato siciliano oltre 30.000 euro.
All’autista del mezzo, è stato sequestrato l’intero carico di pesce trasportato e
contestualmente elevata una sanzione amministrativa, per la quale è previsto un ammontare che, proprio in ragione allo stock rinvenuto, risulta pari a 25.000 euro.  Le infrazioni di tale natura prevedono un ammontare variabile e crescente, a seconda del quantitativo di prodotto ittico sotto la taglia minima detenuto, trasportato e  commercializzato, che va da un minimo di 100 a un massimo di 75.000 euro.

A seguito della certificazione del dirigente medico veterinario competente del servizio  veterinario della locale ASP 5, che ne ha attestato l’idoneità al consumo umano, tutto il  prodotto è stato donato in beneficenza a 15 istituti caritatevoli locali per il successivo  consumo presso le mense degli stessi, trasformando, così, una condotta non conforme  alle vigente disposizioni normative, in un gesto a favore dei soggetti più bisognosi.

L’attività repressiva continuerà con il monitoraggio di tutte le fasi della filiera della pesca,  dalla cattura del prodotto con l’ausilio dei mezzi navali ed aerei, fino ad arrivare al  trasporto e la commercializzazione del prodotto ittico.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook