Giovedì, 06 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Reggio, sequestrati beni per due milioni di euro all'imprenditore Musolino

Reggio, sequestrati beni per due milioni di euro all'imprenditore Musolino

I militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, con il coordinamento della locale Procura - Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal procuratore Giovanni Bombardieri, hanno dato esecuzione a un provvedimento di sequestro del patrimonio (costituto da 1 impresa individuale con il relativo compendio aziendale, 12 immobili, rapporti finanziari e quote societarie), per un valore complessivo stimato pari ad oltre 2 milioni di euro, riconducibile all'imprenditore Domenico Musolino, ritenuto “vicino” alla ‘ndrangheta.

Le altre operazioni

Musolino era già stato interessato da diverse operazione.
In “Rupes” è stato rinviato a giudizio per associazione per delinquere finalizzata al compimento di reati contra la pubblica amministrazione, concorso in turbata libertà degli incanti, con l’aggravante dalla finalità di agevolazione mafiosa.
In “Camaleonte” è stato rinviato a giudizio per concorso in corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, nonché per associazione per delinquere aggravata dalla finalità di agevolazione mafiosa.
In “A ruota libera” è stato rinviato a giudizio, tra l’altro, per concorso in truffa aggravata ai danni di un Ente locale e frode nelle pubbliche forniture, attività organizzata per il traffico illecito di rifiuti, nonché per associazione per delinquere aggravata dalla finalità di agevolazione di associazione mafiosa.

Le indagini ecomomico-patrimoniali

Il Gruppo investigazione criminalità organizzata (Gico) del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Reggio Calabria ha eseguito su delega della locale DDA - con il coordinamento del procuratore aggiunto Calogero Gaetano Paci e del sostituto procuratore Stefano Musolino - mirate indagini economico-patrimoniali sul conto del proposto e del suo nucleo familiare.

L’attività investigativa ha consentito di accertare la sussistenza di una significativa disparità tra il profilo reddituale e quello patrimoniale dell'imprenditore e del suo nucleo familiare.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook