Martedì, 16 Ottobre 2018
REGGIO CALABRIA

Coltivavano canapa a Rosarno, in manette 4 figli di un boss della cosca Pesce

I carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, insieme a quelli dello Squadrone Cacciatori Calabria di Vibo Valentia, supportati in fase esecutiva dall'ottavo Nucleo Elicotteri e dalle unità cinofile di Vibo, hanno arrestato Domenico Arena, di 28 anni, ed i fratelli Biagio, Rocco e Rosario Arena, rispettivamente di 36, 31 e 39 anni, questi ultimi figli di Domenico Arena (64), ritenuto esponente di spicco della cosca Pesce di Rosarno, coinvolto nell'operazione All Inside del 2010.

Sono accusati, a vario titolo, di coltivazione di sostanze stupefacenti con l'aggravante dell'ingente quantità. L'indagine, coordinata dalla Procura di Palmi e condotta dai carabinieri di Rosarno e dai "Cacciatori", era partita nell'agosto scorso dopo il ritrovamento a Candidoni di 28 mila piante di canapa indiana.

DI servizi di osservazione e pedinamento hanno consentito di identificare i quattro ed un minore, la cui posizione è al vaglio della Procura dei minorenni di Reggio Calabria, come i coltivatori.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X