Sabato, 14 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
NEL REGGINO

Baraccopoli di San Ferdinando in fiamme, morto un migrante: terza vittima in un anno

di

San Ferdinando. Un altro morto. Il terzo in un anno alla baraccopoli. La dinamica sempre la stessa: un fuoco acceso per riscaldarsi e poi l'incendio e la morte. Questa volta è toccato a un giovane poco più che trentenne perdere la vita.

Intervenuti sul posto vigili del fuoco, carabinieri e polizia. Il prefetto di Reggio Calabria terrà una riunione del comitato per l'ordine pubblico.

Un incendio è divampato la notte scorsa nella baraccopoli di San Ferdinando ed ha provocato una Le fiamme sono state spente dai vigili del fuoco che hanno allestito una postazione fissa sul posto. La vittima è Al Ba Moussa, senegalese, avrebbe compiuto 29 anni il prossimo 5 giugno. Nel rogo sono state distrutte una ventina di baracche.

Rogo a San Ferdinando, le immagini dalla baraccopoli - Foto

Potrebbe esserci uno dei tanti fuochi accesi dai migranti per riscaldarsi all’origine dell’incendio. E' questa l’ipotesi emersa dai primi accertamenti compiuti dagli investigatori di polizia e carabinieri giunti sul posto. Una scintilla avrebbe provocato le fiamme che poi si sono rapidamente propagate tra le baracche fatte di materiale infiammabile come legno e plastica.

Il prefetto di Reggio Calabria Michele di Bari, dopo l’incendio nella baraccopoli, ha convocato una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica nella sede del municipio di San Ferdinando.

C'è tensione tra i migranti che vivono nella baraccopoli di San Ferdinando, dopo l’ennesimo incendio che ha provocato una vittima. I migranti da tempo chiedono soluzioni abitative alternative che superino l’emergenza della baraccopoli. Nel campo, stamani, c'è chi è pronto a dare vita ad un corteo di protesta fino a San Ferdinando. Al momento comunque, non si sono registrati problemi.

Con l'uomo morto la notte scorsa, salgono a tre le vittime di incendi nella baraccopoli di San Ferdinando registrate in un anno. Il 27 gennaio 2018 perse la vita una 26enne nigeriana, Becky Moses.

In quel caso l’incendio fu doloso. Pochi mesi dopo la polizia ha fermato una donna ritenuta la mandante del rogo, fatto appiccare per gelosia. Il 2 dicembre 2018, morì Surawa Jaith, del Gambia, che avrebbe compiuto 18 anni pochi giorni dopo.

In precedenza, nella baraccopoli dove nel periodo invernale vivono anche migliaia di migranti impegnati nei lavori di raccolta degli agrumi nei campi della piana di Gioia Tauro, si erano verificati altri incendi che non avevano causate vittime solo per puro caso.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook