Lunedì, 30 Marzo 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L'ordine del boss, mai parlare al telefono: «Così comunicava Antonio Piromalli»
L'INCHIESTA

L'ordine del boss, mai parlare al telefono: «Così comunicava Antonio Piromalli»

di
'ndrangheta, gioia tauro, Antonio Piromalli, francesco trunfio, Pasquale Guerrisi, Teodoro Mazzaferro, Reggio, Calabria, Cronaca
Le donne del clan e i “pizzini”, così comunicavano i Piromalli

Con i boss non si poteva parlare direttamente: niente telefonate né tecnologia di nessun tipo. Solo pochi “eletti” potevano avere un rapporto con Antonio Piromalli, pochi picciotti fidati che portavano “il verbo” agli affiliati a Gioia Tauro. È quanto emerge dalla lettura dei verbali di Francesco Trunfio, l'ex soldato del clan Piromalli divenuto collaboratore di giustizia nello scorso dicembre.

«Michele D'Agostino - spiega il pentito ai magistrati della Dda reggina, come riporta la Gazzetta del Sud in edicola - era coinvolto nella catena di messaggi che venivano trasmessi da Gioia Tauro e arrivavano a Milano e viceversa. Occorreva infatti un modo per tenersi in contatto con Antonio Piromalli, che ancorché non abbia mai vissuto a Gioia Tauro, comandava sul territorio.

C'era un ordine di Antonio Piromalli «per tutti noi: nessuno doveva chiamare al telefono». Il giovane boss, figlio del mamasantissima Pino Piromalli detto “facciazza”, era una specie di ombra, che comandava il clan da Milano, ma che a Gioia Tauro aveva orecchie e occhi fidati.

«Quando la famiglia di Antonio Piromalli scese per le vacanze estive nell'anno 2014 o 2015 - aggiunge Trunfio - Francesco Sciacca (cognato di Piromalli, ndr) si recò da Teodoro Mazzaferro per reperire un appartamento per i congiunti. Mio zio Gino Trunfio che era proprietario di immobili al centro di Gioia Tauro, mise a disposizione dei congiunti del capo un appartamento ubicato sul corso di fronte alla Chiesa».

Ritornando alla filiera che permetteva a Piromalli di comunicare con gli affiliati, Trunfio sostiene che «tutti sapevamo che a trasferire le ambasciate da Gioia Tauro e viceversa ad Antonio Piromalli era Pasquale Guerrisi».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook