Martedì, 19 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
ANIMALI

Canile lager a Gioia Tauro, l'orrore non è finito fra carcasse e puzza nauseabonda

di
canile, gioia tauro, mortara, Carlo Pulice, Enrica Raschiellà, Reggio, Calabria, Cronaca
Reggio, sequestrato il canile di Mortara

Migliaia di vermi che brulicano sulle carcasse di cani riposte dentro sacchi neri della spazzatura, a loro volta stipati dentro un vecchio freezer dei gelati dal quale fuoriesce una puzza nauseabonda.

Non è un frame di un film horror ma lo scenario che, a distanza di venti giorni dal blitz interforze scattato per accertare le condizioni di estremo degrado documentate dalle associazioni animaliste e denunciate dalla Gazzetta del Sud in edicola, fa ancora da sfondo all'ormai ex canile rifugio “Metauria” di Carlo Pulice ed Enrica Raschiellà, struttura sulla quale incombe un'ordinanza di sfratto esecutivo, prorogata per consentire ai volontari di trovare uno stallo per i cani in attesa di adozione.

Una circostanza raccapricciante e, anche questa volta, ampiamente comprovata che solleva molti interrogativi, in considerazione del fatto che sul posto, oltre ad essere già intervenuti i Carabinieri della Forestale, gli agenti della Polizia ecozoofila e quelli della Polizia locale di Gioia Tauro, da settimane stanno prestando la loro attività o sono comunque presenti gli animalisti di diverse associazioni, l'Enpa in primis, e - così come confermato dal responsabile provinciale dott. Giuseppe Giugno - i veterinari dell'Asp 5, area A.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook