Domenica, 29 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il pentito Maurizio Cortese si abbatte sulla cosca Serraino di San Sperato e Cardeto
'NDRANGHETA

Il pentito Maurizio Cortese si abbatte sulla cosca Serraino di San Sperato e Cardeto

di

Tre pentiti contro. Prima i fratelli Tonino e Daniele Filocamo, adesso Maurizio Cortese. La Procura distrettuale antimafia continua a rafforzare il quadro d'accusa nei confronti di Nino Serraino, il 40enne di Cardeto (figlio e nipote dei defunti Domenico “Mico” Serraino e Francesco Serraino) arrestato nella recente operazione “Pedigree 2” con cui Squadra Mobile della Questura e Carabinieri del Ros hanno colpito nuovamente le giovani generazioni della cosca di ‘ndrangheta Serraino e la cellula che si era espansa fino a Trento.

Adesso nei suoi confronti si abbattono le prime (inevitabilmente ancora scarne e zeppe di Omissis) dichiarazioni del collaboratore di giustizia Maurizio Cortese, l'ex rampante capoclan della 'ndrina di San Sperato e Cardeto che da un paio di mesi ha “saltato il fosso” vuotando il sacco rispetto alla sua recente, ma già rilevante e impetuoso, scalata alle gerarchie della famiglia Serraino.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Reggio della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook