Mercoledì, 05 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Rosarno, quale futuro per il palazzo di via Pitagora dopo il crollo del muro?

Rosarno, quale futuro per il palazzo di via Pitagora dopo il crollo del muro?

di

Si riaccendono i riflettori su via Pitagora, dove, come è noto, la sera dello scorso 15 gennaio, a causa delle piogge insistenti, è crollato un muro privato di sostegno che ha comportato lo sgombero immediato di un palazzo di 4 piani gravemente danneggiato, in esecuzione di un’ordinanza a firma del sindaco Idà notificata dal Comando di Polizia locale a 11 nuclei familiari, alla quale si sono aggiunte altre 11 ordinanze dirette ad altrettante famiglie residenti in quattro palazzine adiacenti.
Se oggi la questione torna alla ribalta si deve a una delibera dei commissari straordinari Giannelli, Mancuso e Buda, con la quale viene impartito atto di indirizzo ai responsabili delle ripartizioni municipali «affinché adottino, ognuno per la parte di rispettiva competenza, con la massima urgenza e senza indugio, gli atti gestionali ovvero pongano in essere i prescritti adempimenti di legge o previsti dalla normativa vigente, volti a superare le criticità ».
Si tratta, in effetti, di una questione di difficile soluzione e basta fare una visita ai luoghi per rendersi conto dell’estrema difficoltà di operare lungo il declivio di una collina densamente abitata e già di per sé morfologicamente instabile, in quanto di natura sabbiosa. Una cosa è certa ed è stata rilevata anche da alcuni tecnici locali: non è un’operazione di demolizione degli stabili pericolanti che possa essere affrontata dal Comune, che si trova in uno stato di predissesto e non dispone dei mezzi finanziari necessari.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook