Martedì, 27 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca "Il macchinista non muore, cambia stazione", l'addio di Cologno al reggino Giuseppe Cicciù
I FUNERALI

"Il macchinista non muore, cambia stazione", l'addio di Cologno al reggino Giuseppe Cicciù

funerali, treno deragliato, Giuseppe Cicciù, Reggio, Calabria, Cronaca
Il funerale di Giuseppe Cicciú

Centinaia di persone hanno partecipato a Cologno Monzese (Milano) alle celebrazioni del funerale di Giuseppe Cicciù, il macchinista di 52 anni originario di Reggio Calabria rimasto ucciso nel deragliamento del Frecciarossa 9595 insieme al collega Mario Dicuonzo, 59 anni, lo scorso giovedì ad Ospitaletto Lodigiano (Lodi).

La sua famiglia e i numerosi colleghi, cosí come tutta la cittadinanza, si sono stretti intorno alla moglie Paola e al figlio Luca. Tra le istituzioni presenti anche il ministro dei Trasporti, Paola De Micheli e il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana. Giuseppe Cicciú era l’uomo del sorriso, della mano tesa, della forza d’animo, dell’orgoglio dell’essere ferroviere.

Questo il ritratto commosso, fatto di lui da colleghi e amici, riuniti nella parrocchia di San Giuseppe a Cologno Monzese (Milano), per dargli l’ultimo saluto. «Il macchinista non muore, cambia stazione. Il macchinista trema, ma prosegue la strada», le parole tratte da una poesia scritta da un collega per Giuseppe.

«Portava le brioche al mattino, aveva sempre parole di conforto e stimolo per i più giovani - ha raccontato un altro collega ferroviere - con te e Mario se ne è andata una parte di noi, ci mancherai maestro, buon viaggio».

In un silenzio irreale, fuori e dentro la chiesa, colleghi e amici hanno proseguito commossi ricordando il 52enne che «aveva il sogno di diventare ferroviere come suo padre», scomparso prematuramente, «l'uomo del sorriso che dalle difficoltà ha saputo trarre la capacità di tessere legami puri», ha detto il parroco del quartiere di Reggio Calabria dove Cicciù è cresciuto, arrivato a Cologno Monzese per pronunciare l’omelia del suo funerale.

«L'Italia che vogliamo - ha concluso il sacerdote - è quella dove ferrovie e strade sono sicure, dove facciamo a gara per l'alta velocità, non quella reale, ma quella di chi corre in avanti portando nel cuore la speranza».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook