Lunedì, 13 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Reggio trasformata in un inceneritore, rifiuti dati alle fiamme nel cuore della notte
L'EMERGENZA

Reggio trasformata in un inceneritore, rifiuti dati alle fiamme nel cuore della notte

di

Quasi fosse un enorme inceneritore. Nel cuore della notte, Reggio sommersa dalla spazzatura va in fiamme. Fuoco e fumo si sono alzati in diversi quartieri: nei rioni Marconi e Ciccarello, zone-simbolo di un'emergenza spazzatura infinita e, ancora, a Pellaro per spegnere i roghi sono dovuti intervenire i Vigili del Fuoco.

Sembra di riavvolgere il nastro a un paio di mesi addietro o, ancora, a qualche stagione fa. Ma soprattutto agli anni scorsi. A dire il vero, o per un motivo o per un altro, il sistema di raccolta Rsu in riva allo Stretto non ha mai avuto vita tranquilla. Le scene delle ultime settimane sono eloquenti e rappresentano il fallimento complessivo di tutti.

Nessuno escluso perché, come detto in precedenza, non si tratta della prima volta e i cittadini - che hanno anche una buona responsabilità soprattutto per gli incendi - sono stanchi. Tutto ciò cancella anche i timidi passi avanti fatti sul piano della raccolta differenziata. Un servizio che “mangia” soldi a Palazzo San Giorgio con costi elevatissimi sostenuti dai cittadini che, però, non hanno sin qui mai ottenuto alcuna premialità o sconto sulla tariffa.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Reggio della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook